Legamento d’amore: un possibile aiuto ai problemi di cuore…?

Quando vogliamo conquistare un uomo ne proviamo di tutte i colori. Proviamo ad essere irresistibili indossando i vestiti più assurdi o un tipo di abbigliamento che non è mai stato di nostra abitudine e che di certo fa sì che ci notino, non in positivo, ma sicuramente per quanto risultiamo goffe e poco naturali.

Proviamo a metterci a dieta, mangiando di meno o mangiando pasti improponibili, affianchiamo anche la palestra perché si sa noi donne ci sentiamo grasse in qualsiasi periodo dell’anno e soprattutto in qualsiasi momento della nostra vita figuriamoci quando ci interessa un uomo e vogliamo conquistarlo!

A volte ci rendiamo estremamente ridicole solo per essere accomodanti e compiacenti nei confronti della persona che più ci piace e questo magari fa sì che colui che tanto amiamo ci snobbi o non si interessi a noi che gli abbiamo mostrato questa pessima facciata.

In sintesi, l’errore che di solito facciamo cercando di piacere all’altro, è proprio quello di alterare la nostra naturale personalità, il nostro carattere e la nostra bellezza naturale trasformandoci nell’esatto contrario di quello che siamo.

È davvero difficile conquistare l’uomo della nostra vita ma di certo non possiamo arrenderci senza prima aver lottato. Pensateci bene le avete provate tutte no?

No, ci sono ancora terre inesplorate di cui sicuramente avete sentito parlare. L’amore è un qualcosa di particolare, è energia, è forza, è richiamo verso un’altra persona giusto? Allora perché non agire nello stesso ambito? Perché non lavorare sull’energia, sulle forze che girano intorno al mondo?

Legamento d’amore?

Sul sito spiritualshop.it  trovate una miriade di oggetti particolari. Si tratta di amuleti e talismani magici thailandesi e cambogiani, oggetti di culto benedetti ed energizzati da importanti monaci thailandesi e buddisti.

Per chi è scettico nei confronti di questo tipo di oggetti non deve assolutamente dubitare in quanto si tratta di manufatti creati singolarmente e manualmente piuttosto che in grandi catene di montaggio.

Vengono poi energizzati da importanti monaci thailandesi attraverso lunghi riti e lunghe procedure.

Per propiziare un amore, conquistare un uomo o riavvicinarlo a voi bisogna affidarsi all’ energie mossa da questi oggetti. Tanti i talismani come legamento d’amore che trovate su www.spiritualshop.it possono unire due persone, possono accendere la passione, possono proteggere l’unione tra due persone o incentivarla o tanto altro. Un amuleto o talismo del tipo legamento d’amore, ti permette, con un incantesimo d’amore legato all’oggetto di risolvere la situazione. Quando lo acquisti non devi far altro che seguire le istruzioni in italiano e soprattutto credere in quello che fai e metterci tutta te stessa, vedrai che le cose cambieranno! Tanti e diversi i tipi di amuleto legamento d’amore, ed è proprio per questo che Spiritual Shop ti fornisce assistenza nell’acquisto attraverso un numero verde 348 8785180 a cui poter chiedere informazioni e consigli prima dell’acquisto.

Vuoi legare per sempre a te la persona che ami? Che aspetti? Vai su spiritualshop.it e scopri qual è il legamento d’amore che più si adatta alla tua causa!

La Balivo commenta la Leotta a Sanremo

Diletta Leotta è stata ospite a Sanremo. La Leotta ha 25 anni e conduce diversi programmi di calcio su Sky Sport, è scesa dalla scalinata con un bellissimo abito da sera rosso con ricami argentati composto da un top e da un’ampia gonna con un profondo spacco sul davanti con cui era difficile passare inosservati.

La Leotta racconta, prima, della sua passione del calcio tramandatagli dal padre e dal fratello, grandi tifosi, e poi alla domanda di Conti “Qual’è la tua canzone di Sanremo” ha risposto con Sara perchè ti amo dei Ricchi e poveri, anno 1981.

La conduttrice di Sky è giunta all’Ariston anche per parlare di una vicenda che l’ha vista protagonista qualche tempo fa quando delle sue foto private furono diffuse in rete con la completa violazione della sua privacy e ha detto: “Ho reagito e ho denunciato. Si tratta di un reato vero e proprio. Queste cose accadono hai ragazzi più giovani di me, siate coraggiosi e forti, non abbiate paura” continua “Bisogna denunciare e invito a farlo” .

Poco dopo arriva un commento amaro su Twitter di Caterina Balivo: “Non puoi parlare della violazione della privacy con quel vestito e con la mano che cerca di allargare lo spacco della gonna“, il commento è stato più volte condiviso da chi la pensava come la Balivo.

Mentre qualcuno, come il giornalista Gianni Riotta, ha preso le difese di Diletta Leotta scrivendo: “Per parlare #cyberbullismo #Sanremo @DilettaLeotta non deve mica indossare burqa. Ci si può vestire come si vuole senza dover subire bulli!”.

Per ora nessuna risposta dalla Leotta.

Caos a Parigi: davanti al Louvre grida “Allah è grande” e aggredisce soldati

Ancora paura a Parigi per quello che dalle prime informazioni sembrerebbe un atto terroristico. Siamo nei pressi del Louvre, dove un uomo è stato sparato da un militare mentre stava aggredendo un suo collega. L’uomo mentre aggrediva il militare ha gridato la fatidica frase “Allah Akhbar” e come arma aveva un machete e un pericoloso coltello. L’uomo è stato fermato dai militari in quanto era intento ad entrare nel museo con una valigia e un comportamento sospetto, oltre che vietato introdurre bagagli nel museo. Di lì il caos: l’aggressore ferisce il militare al cuoio capelluto con le sue armi per poi finire a terra gravemente ferito al busto, dai colpi esplosi dall’altro militare, accorso in aiuto del collega. Secondo la fonte de Le Figaro i militari ad essere stati aggrediti sarebbero addirittura quattro, di cui due riportanti ferite, in quanto coinvolti in una colluttazione con l’aggressore.

Nelle vicinanze fermato un altro individuo dal fare sospetto, mentre tutta la zona che circonda il Louvre è stata transennata e messa in sicurezza, oltre a chiudere la metrpolitana evitando che i treni fermino al Louvre.

Shakira e Piquè festeggiano e condividono il loro compleanno!

La bellissima coppia Shakira-Piquè oggi condivide il compleanno, entrambi festaggiano il 2 febbraio, lei 30 anni e lui 40.

I due si sono conosciuti proprio durante la registrazione del video della canzone Waka Waka, in occasione dei mondiali di calcio in Sudafrica. Da lì iniziarono a frequentarsi senza rivelare la loro liaison, anche perchè furono sovrastati dal successo della canzone inaspettato per quanto riguarda Shakira e dalla vittoria della Spagna per Piquè. Il 29 Marzo 2011 Shakira mostrò a tutti tramite una foto il suo “sole”. I due, poi, hanno avuto due bambini, Milan il 22 gennaio del 2013 e Sasha il 29 gennaio 2015. Insomma, fatalità o calcolo non si sà, ma i loro compleanni sono tutti molto vicini!

La loro carriera fino ad ora è piena di riconoscimenti e premi, 2 Grammy Awards e 10 Latin Grammy per lei e 4 Champions League con il Barça e un Mondiale con la nazionale spagnola per lui.

Che dire, ancora tanti auguri ragazzi, che possiate condivedere questo compleanno ancora per molto!

La Russia tra poco avrà una nuova legge sulla violenza domestica, che depenalizza in alcuni casi il reato di violenza in ambito famigliare. Picchiare coniuge e figli non sarà più reato. Il testo rimuove dal Codice penale russo il reato di “percosse in famiglia” declassandolo a un illecito amministrativo punibile con un’ammenda tra i 5mila e i 30mila rubli (80-470 euro), l’arresto da 10 a 15 giorni o 60-120 ore di servizio civile.Solo nel caso in cui l’aggressore perseguiti continuamente, il proprio familiare potrà essere processato in sede penale e punito con il carcere, e in ogni caso solo se la vittima sarà riuscita a dimostrare i fatti, perché la giustizia non potrà più agire d’ufficio. La tesi di fondo dei promotori del disegno di legge-Chiesa ortodossa e politici conservatori- è che ciò che succede tra le pareti domestiche non sia affare dello Stato. Decisamente contraria  Irina Matvienko, presidente del Centro Anna, l’unica associazione di sostegno  contro le violenze domestiche presente in Russia. “Le percosse in famiglia non sono un valore tradizionale, sono un crimine”, afferma. Nel 2016 la linea ha ricevuto oltre 5mila telefonate, benché sia operativa solo dalle 7 del mattino alle 9 di sera.

Lapo Elkann: il giudice prende la sua decisione sul finto sequestro

Lapo Elkann può essere felice per quello che a deciso il procuratore di New York, ossia lasciar cadere le accuse nei confronti dell’ormai non più giovane rampollo più discusso in Italia. Dopo il finto sequestro di fine novembre scorso, le accuse a Lapo Elkann gli hanno fatto rischiare ben due anni di carcere. Rilasciato il 27 novembre, al membro di casa Agnelli era stato chiesto di comparire di fronte a un giudice nella data stabilita, ossia oggi.

Gli sviluppi della vicenda, e la conseguente decisione del giudice di lasciar cadere le accuse, ha evitato a Lapo Elkann di presentarsi oggi in tribunale a New York nel quartiere di Manatthan.

Il legale Randy Zelin spiega come il suo assistito sia molto sollevato e felice per l’esito della vicenda e spiega come il suo ufficio legale abbia presentato le conclusioni al procuratore, aiutando di fatto a giudicare la vicenda come con costitutiva di reato, mettendo la parola fine a questo imbarazzante episodio per Lapo Elkann.

Volterra: donna uccide madre e zia investendole con l’auto

VOLTERRA (Pisa)-All’inizio è sembrato un incidente quello che ha ucciso due sorelle, rispettivamente di 70 e 75 anni, Angela Cuviello e Lucia Cuviello.

Entrambe le sorelle sono state travolte da un’auto guidata dalla dalla figlia di una delle sue donne, che tra l’altro ha coinvolto anche un altro uomo fortunatamente uscito quasi illeso.

La vicenda si tinge di giallo quando un testimone ha esposto la sua versione agli inquirenti, affermando che la conducente del veicolo abbia volontariamente investito le due donne. La donna, figlia di una delle due vittime, soffre da tempo di problemi psichiatrici che la costringono a delle cure presso l’Azienda Sanitaria Locale. I suoi disturbi sarebbero riconducibili a manie di persecuzione, infatti il movente che ha spinto la donna a commettere questo duplice omicidio è la sua ferma convinzione che le due donne fossero la fonte di tutti i suoi problemi, spingendola così ad eliminarle.

Attualmente la donna, in stato di arresto per omicidio volontario, è in osservazione all’ospedale per il forte shock, sotto stretta sorveglianza della polizia.

Gelo in tutta Europa: bus di turisti precipita da viadotto in Francia, 4 morti

Il gelo stringe nella sua morsa mezza Europa, e i disagi e danni provocati da questa ondata di gelo stanno caratterizzando questo inizio anno.

Un autobus pieno di turisti portoghesi è stato protagonista di un terribile incidente causato dalle condizioni estreme del manto stradale. Il conducente del mezzo, a causa del ghiaccio, ha perso il controllo uscendo dalla carreggiata: dei 40 passeggeri in totale presenti sul pullman il bilancio è tragico e parla di 4 morti e 27 feriti, 3 dei quali in gravi condizioni.

Il tutto è avvenuto in territorio francese, sulla famosa strada atlantica centroeuropea nella regione della Loira. i turisti portoghesi erano diretti in Svizzera quando, a causa delle bassissime temperature e quindi con il conseguente congelamento del manto stradale, il mezzo è andato fuori controllo precipitando giù da un viadotto. La strada atlantica centroeuropea ormai ha preso l’appellativo di “Strada della Morte” in quanto anche lo scorso anno era stata teatro di diversi incidenti mortali.

Ergastolo agli scafisti del naufragio che uccise 200 migranti.

La procura di Palermo, nell’ambito del naufragio che nell’agosto 2015 causò la morte di circa 200 migranti, ha chiesto la condanna alla pena di ergastolo ai tre scafisti Ali Rouibah (algerino), Imad Busadia (algerino), Abdullah Assnusi (libico).

La richiesta di condanna, formulata dai PM Claudio CamilleriRenza Cescon vengono dall’accusa dell’omicidio dei 200 migranti e del favoreggiamento dell’immigrazione clandestina.

Su quel barcone, nel viaggio della disperazione, c’erano ammassate circa 600 persone e solo a chi pagava un notevole supplemento era consegnato un giubbotto di salvataggio. Dopo la tragedia, le decine di superstiti testimoniarono indicando agli inquirenti 5 nomi, di cui i tre già indicati e due, Suud MujassabiShauki Esshaush i quali sono sotto processo ordinario, mentre per i primi tre è stato chiesto il rito abbreviato per l’ergastolo.

Nello sviluppo delle indagini, inizialmente il GIP di Palermo, Giuliano Castiglia ordinò lo scarceramento dei cinque scafisti in quanto non vide correlazione tra la loro condotta e il decesso dei migranti.

Non è stato così però per la procura, che nel proseguo delle indagini coordinate da Maurizio Scalia, c’è una netta correlazione tra la condotta degli scafisti e la morte dei passeggeri, in quanto ammassati tanto che molti perirono durante il viaggio per asfissia e inoltre, gli scafisti, impedirono agli extracomunitari di salire su. La cassazione accolse questa tesi e annullò l’ordine di scarcerazione precedentemente inoltrato.

 

IL RISCATTO DI MONICA LEWINSKY

15319393_10209889375543518_1269709675_nPoche ore prima del voto negli Stati Uniti per l’elezione del nuovo presidente (con inaspettata vittoria di Donald J. Trump ai danni della favorita Hillary Clinton), è tornata a parlare del famoso “sexgate” Monica Lewinsky. Come sappiamo, durante la presidenza di Bill Clinton, uno dei più grandi scandali nella Casa Bianca interessò l’allora 22enne Monica, la quale ebbe rapporti sessuali con l’allora presidente. Oggi 43enne, Monica in una conferenza dell’Australian Association of National Advertisers, è tornata a parlare di quello scandalo e di come abbia cambiato la sua vita, in peggio. La sua testimonianza in Australia è per sensibilizzare la gente al problema del cyberbullismo, come diretta interessata: Monica per anni di insulti e offese è quasi arrivata al suicidio. Si è detta profondamente pentita per l’errore commesso, pagando l’ingenuità di quegli anni. Il prezzo da pagare è stato carissimo. Come testimonial contro il cyberbullismo, Monica è riuscita con dichiarazioni forti a convogliare l’attenzione sul tema:” “Sono stata chiamata troia, donnaccia e simili. La crudeltà verso gli altri non è nuova, ma ho visto una svolta nel potere di umiliazione data l’ampiezza e la portata di Internet, senza restriziomni e perennemente accessibile”. Il riscatto di Monica Lewinsky con questo suo impegno sociale, può dare la forza alle vittime di cyberbullismo di reagire e non lasciarsi schiacciare dalla cattiveria e l’odio che internet e i nuovi media riescono a riversare contro le vittime.