Aprire un pastificio con le macchine per pasta fresca usate

Aprire un pastificio con le macchine per pasta fresca usate è un’iniziativa di sicuro successo, soprattutto se offrirete un prodotto fresco come la PASTA.

Oggi in Italia sono a disposizione di nuovi imprenditori degli incentivi e delle sovvenzioni che permettono di risparmiare notevolmente nell’apertura del vostro pastificio o il vostro negozio di pasta fresca.

Sia che voi vogliate aprire un piccolo pastificio artigianale per la produzione di pasta fresca, sia che vogliate avviare un pastificio industriale con linee ed impianti per pasta fresca, secca, senza glutine, AVVIARE UN PASTIFICIO E’ UN’OTTIMA IDEA SE VOLETE INTRAPRENDERE UNA NUOVA CARRIERA LAVORATIVA.

Negozio di pasta fresca A.Cozzi

Si può cominciare con un piccolo negozio di pasta fresca, quindi con piccoli macchinari per pasta fresca, tra cui una macchina per pasta estrusa (anche chiamata pressa), una macchina per gnocchi, una macchina per ravioli, una macchina per cappelletti ed altri macchinari per produrre tutti i formati di pasta. Non da dimenticare sono le MACCHINE COMBINATE PER PASTA FRESCA che permettono di produrre pasta fresca con una macchina per pasta 4 in 1. La soluzione perfetta!

Attrezzature necessarie per cominciare a produrre pasta fresca

Ci si può attrezzare all’inizio di un piccolo banco per la vendita, un frigorifero, un forno, un tritacarne ed altri accessori per produrre pasta fresca.

Non sono necessari particolari investimenti per aprire un pastificio, soprattutto se vengono sfruttati gli INCENTIVI PER APRIRE UN PASTIFICIO che mette a disposizione lo Stato Italiano a tutti gli imprenditori.

Agevolazioni per il rinnovo delle macchine del vostro pastificio

Poi, sono disponibili anche delle agevolazioni per RINNOVARE LE MACCHINE DEL VOSTRO PASTIFICIO, quindi rendendoci quelle già acquistate inizialmente ed acquistandone altre con una portata più alta o formati diversi.

Ci sono altre cose che dovreste sapere per aprire un pastifico, ma che non stiamo qui ad elencare tutte.

Produttori e rivenditori di macchine per pasta fresca

Vi consigliamo quindi di rivolgervi ai professionisti del settore della PASTA FRESCA ed in particolare delle MACCHINE PER PASTA FRESCA che si occupano dell’avviamento di pastifici da oltre 40 anni.

La libertà spiegata attraverso la filosofia!


Che definizione dareste al termine libertà?
Molto probabilmente direste che una persona libera è priva di vincoli, di radici e di regole da rispettare ma in realtà è molto di più. E’ un concetto che può essere interpretato in molteplici modi, toccando diverse discipline e una di queste è sicuramente la filosofia.

Alcuni studiosi di questa materia hanno formulato teorie interessanti sulla libertà… come ad esempio Osho, maestro spirituale indiano conosciuto in tutto il mondo il quale ha affermato: “L’uomo libero è come una nuvola bianca. Una nuvola bianca è un mistero; si lascia trasportare dal vento, non resiste, non lotta, e si libra al di sopra di ogni cosa. Tutte le dimensioni e tutte le direzioni le appartengono. Le nuvole bianche non hanno una provenienza precisa e non hanno una meta; il loro semplice essere in questo momento è perfezione“.

Una metafora che fa riflettere moltissimo. E su questa tematica non si può non citare anche l’immenso Mahatma Gandhi, che ha sempre portato avanti una filosofia basata sulla non violenza, tolleranza e libertà: “Non esiste una libertà lenta. La libertà è come una nascita. Finché non siamo pienamente liberi, siamo schiavi. Si nasce tutto in un momento”.

E per voi cos’è la libertà?

Gattuso difende il Milan: “è ancora una grande squadra!”

I bei tempi degli scudetti e delle Champions League per il Milan sembrano soltanto dei dolci ricordi. E’ da qualche anno infatti, che la squadra sembra non raggiungere grandi risultati, un po’ per colpa degli allenatori e un po’ per i giocatori stessi.
Nonostante il Milan non stia brillando in questo campionato, non ha bisogno di nuovi giocatori. O almeno, questo secondo Rino Gattuso, attuale direttore tecnico. Subito dopo una recente partita ha dichiarato:

“I ragazzi hanno lavorato bene in ferie e stanno lavorando bene a Milanello, sono molto contento per come sono arrivati. Ma io non avevo dubbi. Dal 2018 mi aspetto voglia, passione e desiderio di dare qualcosa in più. Perché abbiamo la possibilità di fare qualcosa in più, soprattutto se continueremo a migliorare nei singoli. Ora ci aspettano undici partite in un mese e mezzo? Pensiamo gara per gara, la rosa è ampia e l’obiettivo è dare fiducia a coloro che offrono continuità nelle prestazioni. La sosta ci ha fatto bene anche mentalmente, perché abbiamo staccato con la testa. I ragazzi sono tornati con la voglia giusta e tante aspettative. La scelta di non fare mercato in entrata poggia su basi ben chiare. È stata fatta perché crediamo tutti fortemente in questa rosa.”

Gigi D’Alessio: “Io e Anna stiamo ancora insieme!”

Tutti i giornali di gossip hanno recentemente parlato della rottura tra Anna Tatangelo e Gigi d’Alessio. Sembrava una notizia vera, dopo aver visto foto della cantante sulla neve da sola con il figlio ed il giorno del suo compleanno. Tra l’altro proprio su Instagram aveva scritto che salutava l’anno vecchio e tutte le persone che non facevano più parte della sua vita.
Parlava di rinascita, di nuovi inizi e secondo molta gente faceva riferimento alla sua relazione ormai giunta al capolinea con il caro Gigi.

Ma inaspettatamente lui ha smentito il tutto. Ospite a Verissimo, il programma condotto da Silvia Toffanin, il cantante ha parlato della sua magnifica carriera, dei suoi concerti, dei suoi singoli che hanno fatto successo anche all’estero e… della sua vita sentimentale.
Ecco cosa ha detto: “In tutte le case può succedere che si litighi o si discuta e magari uno dica: stiamo un attimo distanti, per cercare anche di capire. Io e Anna siamo insieme da 12 anni, non da un giorno. A me fanno male tutte queste cattiverie che le addossano. Non è vero assolutamente nulla. Sono le crisi che possono succedere a tutti. Stiamo bene. La verità è che a volte, stare un po’ distanti fa bene all’amore”.

“E’ anche colpa delle donne!” – Rivelazione shock di Brigitte Bardot

Ormai il tema molestie sta spopolando anche nel mondo dello spettacolo e del cinema e sono tante le vip che hanno dichiarato di aver ricevuto avances o addirittura di essere state molestate da registi di una certa importanza.
Nulla giustifica una violenza verso una donna, ma c’è chi pensa che quest’ultima sia in parte responsabile. Ed è il caso di Brigitte Bardot, la quale ha dichiarato di non essere mai stata molestata e che molte donne fanno le “gatte morte” per ottenere successo.

Ha detto così: “Io, nella mia carriera, non sono mai stata abusata o molestata, come si usa dire oggi ma, molte volte, ho ricevuto frasi che riguardavano la mia bellezza, il mio corpo, il mio bel sedere ma questo non mi ha mai sconvolto. Sono molte le attrici che fanno le gatte con i produttori al fine di acchiappare una scrittura in un film, poi, per fare parlare di sé, dicono di essere state molestate. E qui non mi riferisco alle donne in generale ma proprio alle attrici che sono disposte e disponibili alle avance degli uomini che hanno in mano il loro futuro professionale. Denunciare alcune “molestie” è una cosa ipocrita, ridicola e senza interesse. Occupa il posto di temi più importanti che potrebbero essere discussi. In realtà piuttosto che giovargli, tutto questo finisce per nuocere loro.”

Il Jobs Act: cosa ne pensa Matteo Renzi?

Con l’espressione Jobs Act si fa riferimento ad una riforma del diritto del lavoro (chiaramente in Italia). Essa è stata introdotta nel 2014, durante il governo Renzi, il quale ha la facoltà di modificarla o addirittura di eliminarla.

La possibilità che il Renzi e il suo Pd possano tornare a governare il nostro Paese non è affatto da escludere e proprio per questo, in un recente incontro politico, il segretario Matteo Renzi ha voluto rinfrescare un po’ il concetto, aggiungendo alcune sue impressioni legate ai cambiamenti che si son verificati da quel momento ad ora.
Ecco alcune sue parole: “Il Jobs Act ha dato una spinta alla ripartenza, tuttavia non è sufficiente. Prima di noi la situazione era di vera emergenza: Berlusconi e la Lega ci hanno portato a un passo dalla bancarotta. Non so come possa Berlusconi negare la realtà dei fatti. Non ho mai detto che è un pericolo per la democrazia ma dal 2008 al 2011 con il governo di Berlusconi e della Lega l’Italia ha vissuto una crisi devastante. Il milione di posti di lavoro promessi da lui, li abbiamo realizzati noi. Berlusconi alla prova del governo ha fallito”.

Cosa accadrà in vista delle elezioni il prossimo mese? Non ci resta che attendere!

Isola dei Famosi: la fobia della Cipriani e il rifiuto di Alba Parietti

Ieri sera è iniziata una nuova edizione dell’Isola dei Famosi, il reality show condotto da Alessia Marcuzzi su Canale 5.
E’ bastata una sola puntata e già ne abbiamo viste di cotte e di crude: un Francesco Monte pronto a ritrovare sé stesso, un Giucas Casella carichissimo ma allo stesso tempo terrorizzato da diversi aspetti dell’isola e una Francesca Cipriani che ha dato spettacolo per un quarto d’ora abbondante a causa della sua fobia nel lanciarsi in acqua dall’elicottero, pur essendo munita di giubbotto di salvataggio.
I personaggi che ci faranno divertire in questa edizione non mancano affatto, anche se potevano essere ancor di più.

Un esempio? La ribelle e simpaticissima Alba Parietti che ha rinunciato a partecipare all’Isola dei Famosi senza alcun tipo di rimpianto. Ecco cosa ha detto a riguardo: “Escludo categoricamente la mia presenza all’Isola dei famosi e i vertici Mediaset sanno benissimo, che mai farei come concorrente questo genere di programma, che mi vede divertita spettatrice da casa, non mi interessa. Sono stata spesso opinionista e spettatrice, massimo rispetto per chi decide di andarci, ma non lo farei mai e non gradisco girino bufale del genere sul mio conto perché ledono a mio avviso la mia credibilità e il rispetto che il pubblico ha per me.”

Il conflitto Lorenzin – Salvini!

In vista delle elezioni politiche, ogni partito sta stilando il suo programma politico. E a tal proposito Matteo Salvini, non si ferma ad elencare le proposte ma aggiunge sempre un po’ di suo, esprimendo opinioni forti che creano grandi discussioni, basti pensare alle sue discriminazioni razziali e/o di religione.

Questa volta ha voluto parlare della questione vaccini: secondo Salvini è giusto farli ma non deve esistere l’obbligo. La sua teoria va così contro agli ordini stabiliti da Beatrice Lorenzin, che ha subito risposto al tutto: “La Lega sui vaccini mostra di essere peggio che populista. Ma di perseverare nell’estremismo dell’incompetenza. La posizione di Salvini e di altri massimi esponenti della Lega, che oggi dichiarano come primo provvedimento di voler abolire l’obbligatorietà vaccinale, è uguale a quella del Movimento 5 Stelle. La Lega gioca, per qualche voto in più, sulla salute degli italiani, sulla salute dei nostri figli, rischiando di continuare a perorare una causa no vax che mette seriamente a rischio le campagne di informazione scientifiche e sanitarie. L’Italia va vaccinata dagli incompetenti.

Insomma, il Ministro della Salute sembra aver preso sul serio le provocazioni di Salvini. Tra i due adesso il clima è molto rigido e di sicuro una replica del segretario della Lega non si farà attendere.

Federica Nargi smentisce la sua anoressia!

Le ultime foto della ex velina di Striscia la Notizia, Federica Nargi, hanno suscitato diverse polemiche legate alla sua eccessiva magrezza. I commenti poco carini non sono mancati: è stata infatti accusata di essere diventata anoressica e di non essere un bell’esempio per le adolescenti o comunque le ragazze che sognano di far carriera.

Delle accuse molto pesanti, che di certo non hanno suscitato un’ottima reazione in Federica. Così, lei ha deciso di zittire tutti subito, smentendo questa tesi:

“Sono dimagrita perché sono una persona ansiosa. Scrivetemi pure che sono troppo secca, lo vedo da sola, ma non permettetevi di usare la parola anoressia. E’ una malattia grave! Non ho mai voluto cancellare commenti negativi sui miei profili, aldilà di quelli volgari. Accetto le critiche, servono per crescere e non ho mai avuto la presunzione di dover piacere a tutti. Quello che non accetto è la faciloneria con la quale al giudizio viene abbinata la malattia. Sono dimagrita perché sono una persona ansiosa e voglio sempre fare tutto da sola, ed è stato un periodo davvero intenso. Sono la prima che vorrebbe avere qualche chilo in più, ma per me è dura quanto per altri dimagrire…”

Ed aggiunge: “Scrivetemi pure che sono troppo secca, lo vedo da sola, ma non permettetevi di usare la parola anoressia. E’ una malattia, è grave e rovina la vita di tante ragazze e delle loro famiglie. Non è qualcosa su cui scherzare, non è un offesa o un giudizio. A me basta un periodo di riposo per riprendere i chili persi, non combatto quotidianamente contro un’ossessione. Le cose importanti sono altre: vivo dei sorrisi di mia figlia, dell’amore del mio compagno e gli abbracci della mia famiglia e dei miei cari.. e vi assicuro che per me sono meglio due chili in più che due in meno”

Pignoramento Immobiliare: Come Evitarlo e Come Uscirne

Una brutta situazione economica e tante altre problematiche che a ruota si verificano in una situazione di difficoltà economica di molte famiglie hanno messo davvero in ginocchio Paolo e la sua famiglia i quali sono si sono ritrovati ad affrontare un pignoramento immobiliare.

Pignoramento Immobiliare

pignoramento immobiliare

Prima di pensare al peggio è legittimo chiedere l’accesso alla cosiddetta moratoria se si hanno i requisiti per accedervi. Si tratta di una sospensione del pagamento, ad esempio di un mutuo bancario, per una durata non superiore ai 12 mesi. In pratica andiamo a congelare temporaneamente il debito per non incorrere nel pignoramento immobiliare ;bisogna dimostrare che il debitore:

  1. abbia perso il posto di lavoro a tempo determinato o indeterminato;
  2. sia morto e quindi viene a mancare il titolare del debito;
  3. abbia un handicap grave o una condizione di non autosufficienza;
  4. abbia subito una riduzione o sospensione dell’orario di lavoro per un periodo di almeno 30 giorni.

Di sicuro non possiamo dichiarare con certezza che questa sia la soluzione migliore ma se al momento non sapete come far fronte alle rate del mutuo sicuramente accendendo la moratoria avrete un anno di tempo per pianificare il vostro futuro e scegliere in che direzione andare.

Se neanche questi mesi di sospensione vi avranno aiutato così come è successo a Paolo,  la banca procede catalogherà il mutuo come “incagliato”, successivamente lo considererà in “sofferenza” e poi procederà con il pignoramento immobiliare. Altra cosa negativa è la segnalazione nel registro dei cattivi pagatori; con questa segnalazione nessun istituto di credito erogherà prestiti al soggetto segnalato.

Prima della vendita all’asta è ancora possibile fare qualcosa per risolvere il pignoramento immobiliare  trovando diverse soluzioni in maniera definitiva.

Capita sovente di affidarsi affidare a coloro che vantano di avere un “metodo segreto” , il nostro consiglio è quello di diffidare di queste persone perché non esistono metodi segreti. Affidatevi a coloro che prendono sul serio la vostra situazione offrondo la migliore opportunità lavorativa. ALcuni professionisti lavorano a progetto, cioè chiedono di essere pagati solamente se risolvono il problema del pignoramento immobiliare.

Chiunque prenderà in carico la vostra pratica dovrà analizzare in linea generale la situazione  valutando il vostro il vostro patrimonio immobiliare,  il numero dei creditori e l’ammontare del debito,controllare la regolarità del mutuo o del fido  e altre eventuali irregolarità che possono nascere nella procedura di pignoramento immobiliare. A questo punto, in base ai bisogni del cliente, il vostro consulente cercherà con voi la migliore situazione ed è proprio quello che è successo al signor Paolo che ha trovato la sua soluzione su questo utilissimo sito www.usuraepignoramenti.com/pignoramento-immobiliare .