Enrico Papi, vent’anni dopo Sarabanda

Enrico Papi ha lasciato il segno con il suo Sarabanda e quest’anno festeggerà 20 anni dall’inizio di Sarabanda. Insieme all’uomo gatto, ha lanciato una petizione per festeggiare con una super serata i 20 anni di Sarabanda dicendo: “Popolo della Mooseca, proviamo ad entrare nella storia della TV italiana. Condividete, invitate gli amici, le nonne, i cani e i gatti”. Dal 97 al 2004 la trasmissione in questione ha raggiunto risultati importanti grazie alla simpatia di Enrico Papi e ai concorrenti che hanno fatto la storia del programma. Sui social l’evento procede alla grande, lo specifico evento prende il nome di “Petizione per fare Speciale Sarabanda” e ha riunito davvero tanta gente, questo a conferma che Enrico Papi era ed è tutt’ora molto amato dal pubblico. Anche personaggi noti stanno supportando il ritorno di Papi e del suo inimitabile programma, tra questi Giovanni Muciaccia che ha condiviso addirittura un video su facebook dove sponsorizza l’evento e fa gli auguri per il ventennio al collega conduttore. Questo è il link della petizione su facebook : https://www.facebook.com/events/1143930552386183

Meryl Streep dice la sua sull’elezione di Trump e non solo!

merylLa bellissima Meryl Streep, alla cerimonia dei Golden Globe svoltasi ieri a Los Angeles, ha ricevuto il Golden Globe per la carriera. Salita sul palco ha fatto un discorso molto emozionante e sofferto in merito a tutto ciò che l’elezione di Trump come presidente degli Stati Uniti mette in discussione.

Le sue parole: “Il lavoro di un attore è entrare nella vita di persone diverse da noi e farvi vivere ciò che sentono loro e ci sono state così tante performance quest’anno che hanno fatto proprio questo, ma ce n’è stata una in particolare che mi ha colpito, ma non in senso buono, ma ha raggiunto il suo scopo: far ridere il pubblico. È stato i momento in cui la persona chiamata a sedersi nel posto più rispettato del nostro paese ha fatto l’imitazione di un reporter disabile, una persona che non poteva difendersi. Questo mi ha spezzato il cuore e non riesco a non pensarci perché non era in un film, ma era vita reale e questo istinto ad umiliare quando viene da qualcuno potente sembra dare il permesso ad altre persone di fare lo stesso. Mancanza di rispetto porta mancanza di rispetto, la violenza genera altra violenza. Quando i potenti usano la propria posizione per mettere altri a disagio perdiamo tutti. Questo mi porta alla stampa: abbiamo bisogno che la stampa ci sia per ogni oltraggio, per questo i nostri fondatori istituirono la stampa e la sua libertà. Per questo chiedo alla Foreign Press di continuare ad andare avanti perché noi abbiamo bisogno di loro e loro di noi per salvaguardare la verità”.

Il suo discorso è stato davvero intenso, ha continuato parlando dell’importanza degli stranieri: “Chi siamo noi e cos’è Hollywood? Tante persone provenienti da posti diversi. Io sono nata, cresciuta ed educata nella scuola pubblica del New Jersey, Sara Palz è nata in Florida, cresciuta da una madre single a Brooklyn, Sarah Jessica Parker era una di sette/otto figli in Ohio, Amy Adams è nata a Vicenza, Veneto, in Italia e Natalie Portman è nata a Gerusalemme, come attesta il suo certificato di nascita. E la bella Ruth Negga è nata in Etiopia e cresciuta in Irlanda ed è stata chiamata ad interpretare una ragazza delle Virginia. Ryan Gosling come tutte le persone più gentili è canadese e Dev Patel è nato in Kenya, cresciuto a Londra e chiamato ad interpretare un ragazzo indiano, Quindi Hollywood è piena di outsider e stranieri, per cui se dovessero cacciarli via non avreste altro da guardare che non sia football o arti marziali che non sono arti”.

Infine Meryl ha salutato e ricordato la sua cara amica venuta a mancare pochi giorni fa, Carrie Fisher.

Chapecoense: Neto si risveglia dal coma e chiede della finale.

Dopo la tragedia che ha annientato la squadra brasiliana della Chapecoense, arriva una bella notizia finalmente: uno dei superstiti, il difensore Hélio Hermito Zampier Neto si è svegliato dallo stato di coma farmacologico.

Il difensore, classe 1985 che ha riportato numerose gravi fratture scomposte e un serio trauma cranico, è tutt’ora ricoverato ma ha ripreso conoscenza dopo essere stato tenuto in coma farmacologico per permettergli una più rapida ripresa.

Spaventato e shockato per le ferite che ha riportato sul suo corpo, ha successivamente chiesto della finale che la Chapecoense avrebbe dovuto disputare in Colombia, e per la quale la squadra prese quel volo, ignaro della portata della tragedia.

Gli psicologi hanno ritenuto opportuno non rivelare a Neto quanto successo ai suoi compagni per una serie di motivi: innanzitutto il difensore brasiliano è ancora sotto shock per le gravi lesioni che ha trovato sul suo corpo e di cui ancora non si è reso conto, e ancora, uno shock come quello che potrebbe avere apprendendo della scomparsa di tutti i suoi compagni eccetto lui e pochissimi, potrebbe compromettere le sue condizioni di salute, in miglioramento ma sicuramente delicate (ricordando del trauma cranico che ha costretto i medici a tenerlo in coma farmacologico).

LAPO ELKANN CI RICASCA: SESSO,DROGA E ………CARCERE

download-11Il “rampollo” del compianto avvocato Agnelli è stato arrestato a New York dopo aver passato 2 giorni (e due notti) all’insegna di sesso (con un transessuale) droga (cocaina): non contento dopo aver dilapidato una fortuna per pagare il <<festino>> rimane senza soldi e indovinate che fa? Si fine sotto sequestro per <<spillare >> altri soldi alla sua famiglia (10 mila euro). Voi direte: dov’è la novità? E infatti è tutto secondo copione, nessuna novità, c’è poco da stupirsi.

Piuttosto, la sua vicenda (triste e vergognosa) fornisce lo spunto per una riflessione, antica ma sempre attuale:

<<I SOLDI FANNO LA FELICITA’?>>

Lapo Elkann ha dimostratato con la sua irrequietezza, con le sue gaffe,con i suoi eccessi, con le sue esagerazioni ,che i soldi spesso, invece di risolvere i problemi li accentuano.

Molti cercano di giustificarlo con il famoso trucchetto del <<GENIO E SREGOLATEZZA>>, secondo cui se vuoi tenerti il genio devi anche accettare (e giustificare) le Sue sregolatezze. Probabilmente avrà anche azzeccato qualche idea di marketing per il lancio e il design della Fiat 500 o di qualche paio di occhiali, ma da qui a dire che è un genio ce ne corre.

In realtà Lapo Elkann è un uomo malato che va protetto e <<fermato>> per impedire danni a se stesso e naturalmente agli altri.

ALTRO CHE GENIO!

La Sua triste esperienza americana ci dà l’occasione per verificare un’altra cosa: chi sbaglia paga veramente fino in fondo, così come si suol dire succede in America?

Vedremo. Comunque Auguri Lapo!